home AC >>home galleria >> albums >> Noi di AstroCampania >> Manifestazioni >> Astapiana
<< PrecedenteProssima >>

astapiana

persone asta 1

persone asta 2

persone asta 3

Tramonto asta



Resoconto di Carmen Perrella

Venerdì 22 ottobre si è svolta a Vico Equense (NA), nella splendida ospitalità di Villa Giusto, la manifestazione "Sotto il Cielo di Astapiana" organizzata dall'Associazione Culturale Cypraea e Lions Club Penisola Sorrentina coordinata dal nostro Donato Guarracino.
Una serata molto gradevole in una villa del 1604 che ha saputo ben abinare le bellezze del Cielo e la prelibatezza della Cucina genuina e raffinata.
L'impatto con i Lions dell Penisola Sorrentina è stato immediato, difatti sono stati letteralmente "calamitati" dai tre telescopi presenti sulla terrazza e decisamente affascinati dal nostro satellite affollandosi ai vari oculari...
Riguardo le conferenze non posso dire altro che sono state tenute dai nostri grandi, grandissimi Massimo ed Antonio, se ci hanno fatto fare bella figura non lo so perché io ed Andrea siamo restati ai telescopi con la scusa che non è prudente lasciarli incustoditi, ma in effetti per approfittare e fare osservazioni... devo dire che il cielo, ovviamente non perfettamente buio, non era affatto male consentendoci di fare qualche tuffo nel deep sky... ed anche di prendere accordi per la cena con i camerieri che, durante le conferenze, hanno approfittato per fare qualche osservazione.

Anche questa serata è stata per me molto interessante, ho fnalmente conosciuto personalmente Raffaele Castellano (per chi non lo conosce ancora può evitare questa esperienza) il suo C11 ma non visto la sua C3. Poi ho scoperto un altro sistema di puntamento dei telescopi, dunque, ricapitolando i vari sistemi in ordine di apprendimento da parte mia, supponendo di voler puntare M31, esiste:
1) il sistema "Dario" -funzionamento- "Dario punti la galassia di Andromeda?" allora comincia a svitare un paio di fermi, guarda nel puntatore, muove il telescopio un po' di qua un po' di là blocca le viti, mette a fuoco e si sposta per far osservare;
2) il sistema "auto-star" -funzionamento- prendi la pulsantiera, scegli il catalogo Messier, scrivi 31, dai invio, clicki il tasto go- to e... tllllllll bzzzzzzz... il telescopio si posiziona, correggi con le freccette ed osservi;
3) il sistema "assistito" quello che ha Antonio e che ho scoperto venerdì sera -funzionamento- digiti una serie di tasti sulla tastiera, dai conferma su M31, aspetti un bel po', Antonio svita due manopoline, controlli sul display che i numeri diventano quadrettini e dici ad Antonio di bloccare, osservi.
Ne esiste qualche altro??? Fatemi sapere, comincia ad affascinarmi sapere come gli altri puntano gli oggetti che io voglio osservare...

Poi, uno di questi giorni parliamo di stazionamento del telescopio e messa in polare... ci sono un paio di casi proprio clinici: che ne pensate di Corby che, arriva sul campo, si guarda intorno, veloce sbirciatina al cielo, apre il trepiedi, lo piazza a terra e dice: lì sta il nord... la cosa allucinante è che ci azzecca... da sopprimerlo... mette il trepiedi in un punto qualunque e ci azzecca... il telescopio insegue senza problemi (???)
E che dire di un certo Di Dato che, osserva bene la Polare, cerca con meticolosità il nord, posiziona per benino il trepiede e poi... comincia a zompettarci intorno proprio come una ranocchia e dice: è in bolla!!! Ma come in bolla??? ma se la bolla non l'ha neanche comprata... figuriamoci pensare di usarla (???)

Vabbè... lasciamo stare questi dettagli... almeno per il momento... perché... attenti astrofili... che vi osservo!!! :-))))


Carmen